Di Luigi Cremona

Una serata al Parco Appio

Ormai tutti offrono (quasi) tutto, e ad ogni apertura ci sembra di percorrere lo stesso menù. Al mattino le colazioni, poi il pranzo veloce, l’aperitivo e la cena, con la scelta di pizze, hamburgher e così via. Come orientarsi in questo appiattimento generale? La differenza la fa il manico che in questo caso ha nome e cognome: Federico Feliziani, ideatore di Parco Appio, ma anche esperto di prodotti in particolare vini naturali e birre. Ed infatti iniziamo con un fresco e leggero vino bianco per finire con una potente lambic belga tipologia gueuze a fermentazione naturale. Tra l’uno e l’altra una serie di assaggini più che corretti che fanno risaltare la sapiente scelta di ingredienti. In alto le polpette di bollito tenaci come dovrebbero sempre essere, e le rape rosse fermentate in casa acidule ed equilibrate. Ma sarebbero tanti gli assaggi da fare, meriterebbero un’altra serata: l’estate è lunga, il Parco Appio rimane aperto fino a fine ottobre.

Una serata al Parco AppioUna serata al Parco AppioUna serata al Parco AppioUna serata al Parco AppioUna serata al Parco AppioUna serata al Parco AppioUna serata al Parco AppioUna serata al Parco AppioUna serata al Parco Appio

Potrebbe interessarti

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy
Livenet News Network News Italia Operazione nostalgia