Di Luigi Cremona

L’Asinello cresce

L’Asinello con umiltà passo dopo passo di strada ne ha fatta da quando lo conoscemmo tanti anni fa. E, cosa importante, senza perdere il candore e la semplicità degli inizi. Senza strafare, non sarebbe il luogo (un piccolo borgo tra le vigne del Chianti) la sala è più elegante e confortevole, la cantina ben predisposta e accessibile, la cucina più organizzata. L’occasione è ghiotta: un pranzo a 4 mani con l’amico stellato Filippo Saporito, impreziosito da una serie di champagne di rilievo di Bergere, rappresentati ed introdotti da Massimo Fabiani. Un’occasione per riassaggiare i piatti di Senio (con Filippo abbiamo recentemente condiviso un lungo viaggio), e per apprezzarne lo stile misurato, gli ottimi prodotti di base, la semplicità dell’accoglienza. E’ una cucina non per chi ama l’avventura, ma i tanti che ricercano la sostanza saranno accontentati.

L’Asinello cresceL’Asinello cresceL’Asinello cresceL’Asinello cresceL’Asinello cresceL’Asinello cresceL’Asinello cresceL’Asinello cresceL’Asinello cresceL’Asinello cresceL’Asinello cresceL’Asinello cresceL’Asinello cresceL’Asinello cresceL’Asinello cresceL’Asinello cresceL’Asinello cresceL’Asinello cresceL’Asinello cresceL’Asinello cresceL’Asinello cresceL’Asinello cresceL’Asinello cresceL’Asinello cresceL’Asinello cresceL’Asinello cresceL’Asinello cresceL’Asinello cresceL’Asinello cresceL’Asinello cresceL’Asinello cresceL’Asinello cresce

Potrebbe interessarti

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy
Cucina Italiana Notizie tecnologia Cosa vedi?
array(1) { ["wp-wpml_current_language"]=> string(2) "it" }