Di Redazione Witaly

Colombaio

Sicuramente bello, meno interessante al palato dove l’ accumulo degli ingredienti (gnocchi rossi di rape, bianchi di patate, castagne, salmone, pomodoro, sogliola ) sembrava un pò casuale.

Sicuramente bello, meno interessante al palato dove l’ accumulo degli ingredienti (gnocchi rossi di rape, bianchi di patate, castagne, salmone, pomodoro, sogliola ) sembrava un pò casuale. E prima e dopo altri piatti interessanti ma con un percorso fin troppo frammentato in variazioni e guarnizioni, e altalenante nel risultato. Siamo sotto le mura di Casole d’ Elsa in un piccolo resort: Il Colombaio. Oggi, senza più Vincenzo di Grande, chef estroso, molto bravo, ma a volte discontinuo, rimane un luogo bello, piacevole e curato con una cucina dove tre ragazzi ce la mettono tutta e cercano di sopperire alla minor esperienza con tanta passione e qualche ingenuità. Avranno la forza di resistere e spiccare il volo? La crisi non ha aiutato, ma per gli ottimisti il futuro dovrebbe essere più roseo, e noi da parte nostra incoraggiamo loro e la titolare, l’ attivissima Mariva Benucci.

un bel piatto di cristallo con un fiore di zucca ripieno di pane e formaggio

duo di anguilla marinata e cotta

tartare di capriolo con creme brulee di mela e capesanta con lardo e sedano

tortelli di lampredotto su salsa verde

cinghiale in dolce e forte

millefoglie di fichi con fichi caramellati e gelato di mandorle

un angolo della sala

lo chef pugliese, Umberto Gorizia

la giovanissima Alice Bazzan

Massimiliano Cianni

Potrebbe interessarti

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy
Parmiggiano Reggiano, Quello vero è uno soloQuesto video terminerà tra 10 secondi
Valerio Granato: Sistemista Linux a Napoli, Programmatore PHP. Founder: 3d0 Srl, LiveNet Srl, AlDiQua, LiveCode. Sito in wordpress con hosting! Operazione nostalgia