Casa Coppelle a Roma

A Rachelle e Omar Capparuccini dobbiamo uno dei più accoglienti ed eleganti ristoranti della Capitale, in un’area ad alta densità ristorativa, che conserva comunque il suo fascino nonostante la massiccia invasione dei turisti. Qui si scopre un’oasi di eleganza quasi d’altri tempi per la ricchezza dell’arredo e le buone maniere. Drappeggi, prospettive, imbottiture e luci ad hoc accompagnano dall’entrata il cliente facendogli scoprire ambienti diversi che si contendono la palma del più elegante fino a quando non si scoprono le due semi alcove dove, se siete una coppia, è obbligo prenotare. A questo punto ci potrebbero servire anche la “merde” (ci si perdoni il francesismo, ma la patronne è francese), e staremmo bene lo stesso seduti comodamente su queste fini poltroncine che riprendono le tappezzerie delle pareti, specie dopo il buon Franciacorta che subito ci viene offerto (una ricca scelta di Krug apre la carta dei vini). In cucina comunque c’è un cuoco volenteroso, che si dà da fare con una carta molto ampia e con uno stile un pò ridondante e a volte datato che magari è in linea con le belle maniere un pò d’antan che ci circondano, ma che noi gradiremmo forse più spontaneo, fresco e leggero. Il piatto migliore? dei buoni tortelli di stracotto. Il peggiore? una spigola spenta in una pesante crema di patate.

Potrebbe interessarti

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy
Sito in wordpress con hosting! Livenet News Network Capodanno Cinese a Napoli 2020