Di Redazione Witaly

Shizen a Torino, che fusion!


Anni fa c’era una trattoria tradizionale, il Passatempo, poi quattro anni fa è arrivato questo ristorante di cucina giapponese diciamo normale. Il salto  con l’arrivo di Ang Lye Hock chef di Singapore che sotto gli stimoli dell’infaticabile titolare, Valeria Pramaggiore, ha ravvivato il menù con una serie di ricette occidentalizzate non banali e alcune decisamente interessanti. Il locale sorprende anche per il ritmo spedito della cucina (ben 10 elementi dei quali 4 al sushi bar) e per la qualità dell’attraente e giovane clientela. Shizen a Torino, zona collina. Assolutamente consigliabile per assaggiare qualcosa di intrigante e differente. 


Anni fa c’era una trattoria tradizionale, il Passatempo, poi quattro anni fa è arrivato questo ristorante di cucina giapponese diciamo normale. Il salto  con l’arrivo di Ang Lye Hock chef di Singapore che sotto gli stimoli dell’infaticabile titolare, Valeria Pramaggiore, ha ravvivato il menù con una serie di ricette occidentalizzate non banali e alcune decisamente interessanti. Il locale sorprende anche per il ritmo spedito della cucina (ben 10 elementi dei quali 4 al sushi bar) e per la qualità dell’attraente e giovane clientela. Shizen a Torino, zona collina. Assolutamente consigliabile per assaggiare qualcosa di intrigante e differente. 

il salottino

la sala superiore

la sala inferiore

la veranda con giardino (ovviamente più curata in estate)

la cucina

al banco del sushi

sfoglia croccante piegata come se fosse un tacos con all’interno lattuga gambero in tempura e salsa leggermente piccante

a sinistra sandwich di pasta fillo croccante ripieni di tonno cotto avocado shiso (menta giapponese) e tobiko (uova di pesce volante), deliziosi

crostini realizzati con base di riso da sushi croccante con songino e ricciola marinata in salsa yuzu alle sette spezie

fagottini di mazzancolle e capesante cotti a vapore e poi passati sulla piastra per renderli croccanti con maionese giapponese e tartare di verdure

miso carpaccio con branzino scottato all’olio di sesamo e condito con salsa di miso e julienne di manioca croccante

black roll con ciuffetti di calamaro in tempura all’interno , riso da sushi al nero di seppia all’esterno e tobiko black in guarnizione

miginko roll, con all’interno gambero in tempura e crosta di miginko (pop rice giapponese)

miso roll con all’interno gamberi in tempura, sopra crema di riso e tobiko e poi gratinati al forno

Ang Lye Hock

i ragazzi del sushi

con Valeria

 

 

 

Potrebbe interessarti

Sito in wordpress con hosting! Palloncini Polisonnografia a domicilio Napoli