Di Redazione Witaly

Santa Rosa, Cristoph Bob in azione

Di Relais in relais e questo ci sembra non meno blù.  Cristoph Bob è’ appena partito e ci sembra molto determinato in questo nuovo ristorante che porta lo stesso nome dell’Albergo: Santa Rosa, come la sfogliatella che la leggenda vuole sia proprio qui nata (ripiena di crema e di amarene). La cucina ci offre una serie di piatti di fattura precisa, un pò didascalici e giustamente rischiando poco visto che siamo agli inizi, ma riuscendo spesso a centrare i sapori. 

Di Relais in relais e questo ci sembra non meno blù.  Cristoph Bob è’ appena partito e ci sembra molto determinato in questo nuovo ristorante che porta lo stesso nome dell’Albergo: Santa Rosa, come la sfogliatella che la leggenda vuole sia proprio qui nata (ripiena di crema e di amarene). La cucina ci offre una serie di piatti di fattura precisa, un pò didascalici e giustamente rischiando poco visto che siamo agli inizi, ma riuscendo spesso a centrare i sapori. 

il logo

in cucina

il vino, buono: Monte di Grazia

il pane

tartara di “Letterata”, il tonno locale

palamita marinato e affumicato con legno di melo con insalatina di sedano

il piatto

millefoglie di verdure lessate e/o disidratate con provolone del monaco (il tutto è un pò molle)

polpo e patate con mela e sedano, triglia in crosta di pane aromatizzato alle erbe, alice panata farcita di scamorza con pomodori e origano

dettaglio

risotto con “murena” olive pomodori e polvere di capperi

spaghetti integrali con seppie bottarga calamaretti e verdure di stagione

daiquiri al basilico

variazione di cioccolata

dettaglio

semifreddo al frutto della passione con tortino di cocco e spuma di mango

dettaglio

Cristoph Bob

Bianca Sharma, titolare e proprietaria della struttura

 

 

 

Potrebbe interessarti

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy
Livenet News Network Vuoi avere successo? Cucina Italiana