Castello d’Albola

Da Redazione Witaly

 

La strada che da Radda risale verso Montevertine prima e poi all’ Albola è di rara suggestione. Si sale fino a superare i 500 metri per godere di un panorama ancora praticamente intatto.

 [[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:null,”attributes”:{“class”:”media-image aligncenter size-full wp-image-11095″,”typeof”:”foaf:Image”,”style”:””,”width”:”640″,”height”:”427″,”title”:”IMG_3813″,”alt”:””}}]]

La strada che da Radda risale verso Montevertine prima e poi all’ Albola è di rara suggestione. Si sale fino a superare i 500 metri per godere di un panorama ancora praticamente intatto. Il Cassero d’Albola è suggestivo, la cantina un pò meno, i vigneti ben curati e con un deciso ritorno verso il sangiovese. Anche le barrique sembrano godere di minore fortuna e ritornado alla vigna è un vero piacere visitare quella del Solatio. La nostra visita coincide con quella degli studenti al corso AIS di Firenze, un motivo in più per passare un momento distensivo e piacevole.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy
Valerio Granato: Sistemista Linux a Napoli, Programmatore PHP. Founder: 3d0 Srl, LiveNet Srl, AlDiQua, LiveCode. Consulenza software gestionale Napoli,software gestionali Napoli, software gestionali per ristoranti, sistemi cassa, casse automatiche Operazione nostalgia