Di Luigi Cremona

Terramira a Capolona

Un locale un tempo famoso (Acquamatta) poi chiuso per lungo tempo. Ora riapre e le soprese non sono poche: il locale si è rinnovato con un arredo meno pretenzioso e ampolloso che lascia ammirare più compiutamente lo spettacolo dell’Arno e delle arcate del ponte. Un locale giovane, alla guida due fratelli poco più che trentenni Filippo in cucina e Lorenzo in sala, ed intorno a loro a complemento altri giovani ragazzi. Insomma è una bella premessa con anche un menù complessivamente giudizioso, con pochi piatti che si possono scegliere singolarmente o in due percorsi suggeriti a 68 euro (6 portate) e 55 euro (4 Lo chef, Filippo, come dicevamo è ancora giovane e vanta alcune esperienze significative, come Gaetano Trovato ed Emanuele Mazzella e anche il fratello Lorenzo in sala non è da meno: Ora d’Aria, Palagio e miglior sommelier d’Italia 2014. Insomma un team formidabile e le aspettative non sono poche, e proprio per questo (e per i 40° all’esterno) abbiamo avuto qualche perplessità: piatti un pò troppo costruiti e pesanti per l’aria calda che si respirava. Però i ragazzi sono bravi, le basi ce l’hanno e di sicuro ci convinceranno ancora di più, quando qui ritorneremo, come la seconda parte del pranzo (secondi e dessert) molto meglio della prima (antipasti e primi) lascia prevedere.

La bella sala

vista sull’Arno

e sul ponte

ingresso

Il menù

accoglienza

area bar

i tavoli

i grissini e le streghe

il pane

il vino

mazzancolle con animelle gambero rosso crudo zenzero cetrioli e yogurt greco

baccalà con ceci rosa sesamo, aglio nero, insalata di fagiolini verdi e taccole

da vicino

risotto allo zafferano pecorino di fossa briciole di cipolla rossa, lime

ravioli di stinco di maiale con melanzane pistacchi ed arance

da vicino

tonno rosso caviale di pomodoro insalatina di pomodori con taggiasche capperi, cipolle di trapea, maionese di avocado

da vicino

il piccione

da vicino

petto con patè con ciliegie pinoli e pan brioche

tartufo di semifreddo alle nocciole fondente e tè matcha

da vicino

patata dolce yogurt di pecors, pepe

da civino

pasticceria

con Elsa Mazzolini

in sala Lorenzo Scapecchi e Leonardo Lazzerini

in cucina Filippo Scapecchi con Lorenzo Iannone e Mattia Della Gatta

Potrebbe interessarti

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy
Parmiggiano Reggiano, Quello vero è uno soloQuesto video terminerà tra 10 secondi