Scala ad Agrigento

Giovane il locale come lo chef conosciuto un paio di anni fa a Emergente Sud. Nato poco distante sulla costa, qualche giro in posti di rilievo (Villa San Michele, il Suvretta a Saint Moritz), da meno di un anno è rientrato alla base per aprire un ristorantino di qualità nel centro storico di Agrigento. Impresa non facile, perchè nonostante la valle dei Templi la ristorazione di qualità ha qui conosciuto sempre vita grama. Si entra in un locale bello, che ricorda (ed infatti era) un appartamento, con bella vista sulla bellissima chiesa di San Francesco. E Vincenzo ci conferma la buona impressione che a suo tempo ci aveva lasciato: un bravo cuoco e probabilmente un bravo imprenditore. Con misura cerca di alzare il livello, non puntando a cose impossibili, ma con il buon senso che in questi casi si deve usare. Il pranzo è comunque un crescendo, dopo un inizio appena sufficiente con i due antipasti e il timballetto di anellini un pò pasticciati dal troppo pangrattato, ecco che arriva un buon risotto e due secondi alla brace dove la brace di carrube da il giusto sprint. Insomma il ragazzo è da seguire e a lui va il nostro incoraggiamento: sarebbe una bella conquista per la ristorazione siciliana avere anche ad Agrigento un locale che merita la giusta attenzione.

Potrebbe interessarti

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy
Parmiggiano Reggiano, Quello vero è uno soloQuesto video terminerà tra 10 secondi