Salvatore Tassa ad Acuto

Salvatore Tassa, uno chef a sè, in disparte, quasi un caso isolato. Non è tanto o solo il luogo, perchè poi Acuto dista soli dieci minuti di auto dal casello di Anagni. Di sicuro è il suo carattere, schivo e diffidente, e ancora il suo stile, spesso in controtendenza, ma anche a volte di straordinaria preveggenza in quanto anticipatore di mode e di tendenze che sarebbero poi venute fuori. Come dire che salire ad Acuto vale sempre la pena, perchè il palato fine troverà sempre qualcosa da ricordare e da pensarci sopra. Spesso sono piccoli tocchi (l’anice stellato del sautè, il cocktail di zucca e porcini) a volte l’apparente semplicità che sorprende (i fusilli cotti per osmosi con l’acqua degli asparagi, la ricotta con il limone salato), certo è che il percorso gastronomico del pranzo rimane tiene viva l’attenzione, supera qualche inevitabile colpo a vuoto (il cannolo di polenta un pò banale, il pollo troppo scivoloso) e alla fine ci chiediamo sempre perchè ad Acuto saliamo così raramente. Salvatore Tassa merita davvero.

Potrebbe interessarti

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy
strategie di vendita, vendita, consulente per imprentori Vuoi avere successo? Cucina Italiana