Il Principe a Pompei

Il vecchio Principe non c’è più ma il nuovo sembra in salute. Partiamo però dal vecchio, che negli anni novanta ha rappresentato a lungo una delle poche soste di pregio dell’entroterra con il fascino di un arredo in perfetto stile pompeiano che raccontava e riprendeva gli antichi fasti, anche da un punto di vista gastronomico grazie ai menù ispirati all’antica città. Oggi tutto questo non c’è più, la nuova sede è più defilata, in una via laterale, ma il nuovo ambiente ha stile, moderno ma non modaiolo, e ti mette a giusto agio. Il piano di sopra ed un jardin d’hiver completeranno l’offerta, ma già oggi la sala accoglie con garbo e giuste maniere. In cucina è il figlio di Pina e Marco Carlo, storici titolari del Principe, arricchitosi di esperienze importanti anche all’estero con in sala la compagna Claudia. La cucina ha ambizioni, vuole offrire una rilettura moderna di ricette e prodotti tradizionali, trae stimolo e respiro dal percorso formativo dello chef. Secondo noi è nella giusta direzione, ma torneremo per controllarne l’evoluzione. Gli antipasti leggeri ed eleganti si fanno ben apprezzare. I primi risultano più barocchi quasi fosse un’altra mano dietro i fornelli, mentre i secondi ritrovano un maggior equilibrio, ed infine sui dessert c’è ancora da lavorare.

Potrebbe interessarti

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy
Cucina Italiana Notizie tecnologia Cosa vedi?
array(1) { ["wp-wpml_current_language"]=> string(2) "it" }