Di Redazione Witaly

Consegnati a New York e a Mosca gli Italian Cuisine Worldwide Awards in occasione dell’International Day of Italian Cuisine

Alexander Averin, Tara Tan Kitaoka, Giorgio Nava e Piero Selvaggio, i vincitori degli Italian Cuisine Worldwide Awards 2013, gli Oscar della Cucina Italiana nel mondo,  vengono da mondi e nazioni diverse eppure hanno molto in comune.  Alle chiacchiere preferiscono i fatti. Il loro successo dura da anni ed è costruito su investimenti, rischi e sfide, affrontati personalmente. Sono punto di riferimento per migliaia di consumatori,  mantengono le loro attività al passo con i tempi ma, soprattutto, lavorano costantemente per promuovere o proteggere nei loro paesi la cultura enogastronomica italiana, autentica e di qualità.

Alexander Averin, Tara Tan Kitaoka, Giorgio Nava e Piero Selvaggio, i vincitori degli Italian Cuisine Worldwide Awards 2013, gli Oscar della Cucina Italiana nel mondo,  vengono da mondi e nazioni diverse eppure hanno molto in comune.  Alle chiacchiere preferiscono i fatti. Il loro successo dura da anni ed è costruito su investimenti, rischi e sfide, affrontati personalmente. Sono punto di riferimento per migliaia di consumatori,  mantengono le loro attività al passo con i tempi ma, soprattutto, lavorano costantemente per promuovere o proteggere nei loro paesi la cultura enogastronomica italiana, autentica e di qualità. Per questa ragione sono stati premiati con il più prestigioso riconoscimento del settore, i Grana Padano Italian Cuisine Worldwide Awards. Le loro eccezionali storie di vita e di lavoro (vedi profili e foto allegate) fanno di questi personaggi i partner ideali per il made in Italy agro-alimentare nel mondo, soprattutto in un momento di crisi per l’Italia come questo. E’ grazie anche a loro – e ai tanti come loro –  che la cucina italiana e il made in Italy agroalimentare mantengo spazi preziosi di mercato in tanti paesi del mondo.

 

ALEXANDER AVERIN (Mosca, Russia)

E’ un eccellente fotografo moscovita, le sue foto sono pubblicate nei principali magazine della Russia e in libri di grande successo. Alexander ha una forte specializzazione sulla cucina italiana e l’Italia enogastronomica. I suoi reportage dalla Penisola sono per molti russi la finestra dalla quale gettano sguardi sognanti sulla cucina italiana e i suoi luoghi più caratteristici. Alexander non a caso è anche il fotografo dei grandi cuochi italiani di Mosca, per i quali ha realizzato indimenticabili album.

 

TARA TAN KITAOKA  (Tokyo, Giappone)

E’ la presidentessa di KK Vinarius, la prima società in Giappone specializzata nella vendita di vini autentici italiani di qualità trasportati e mantenuti a temperatura controllata. Nata a Singapore, da oltre trent’anni a Tokyo, Tara Tan ha studiato enología in Italia, è profonda conoscitrice della cucina italiana e non perde occasione per promuoverla insieme ai vini. Dal 2002 indirizza giovani (e non) giapponesi che vogliono intraprendere una carriera enogastronomica “italiana”. Dal 2010 è la prima donna in Asia insignita con il titolo di Cavaliere OSSI della Repubblica italiana.

 

GIORGIO NAVA (Città del Capo, Sudafrica)

Chef imprenditore nato a Milano ha cominciato con il migliore ristorante italiano in città, 95 Keerom, per poi aprire la steakhouse italiana Carne SA. Nel suo portafoglio ci sono anche i concetti di casual dining Down South, Mozzarella Bar e il recente Caffè Milano. In poco più di 10 anni Giorgio ha riscattato completamente la appannata immagine che la cucina italiana aveva in Sudafrica mantenendosi fedele ai dettami della cucina tradizionale (la sua è ovviamente del Nord), innovando nelle cotture e nelle presentazioni, e usando ingredienti che provengono dall’Italia o dalla sua fattoria in Karoo e dalla sua barca di pesca d’altura.

 

PIERO SELVAGGIO (Santa Monica, Losa Angeles – USA)

Originario di Modica (Ragusa) e creatore del mitico ristorante Valentino, che proprio quest’anno compie 40 anni di impeccabile attività, Piero Selvaggio riesce a mantenere le sue imprese a livelli di costante qualità e sempre fortemente legate alle radici della gastronomia italiana. Negli ultimi tempi, nella “sua” Santa Monica, ha aggiunto alla  scuderia nuovi concetti, anch’essi di successo: Primi al Mercato, la Norcino Salumeria e Posto, tutti orientati a una cucina italiana contemporanea, presentata i maniera casual ma rigorosamente autentica

 

I GRANA PADANO WORLDWIDE AWARDS (ICWA).

Creati nel 2009 da www.itchefs-gvci.com, la voce di un network di oltre 2000 cuochi e  culinary professional che lavorano in 70 paesi del mondo, sono riconoscimenti che vanno a persone che, nel corso dell’ultimo anno o della loro carriera, si sono distinti per la loro attività di promozione o difesa della cultura enogastronomica italiana autentica. Le nomination per gli Awards sono fatte da oltre 200 ICMC (Italian Cuisine Master Chef) che lavorano fuori dall’Italia e sono votate da una Giuria di esperti di settore composta quest’anno da Luigi Cremona (giornalista enogastronomico), Stevie Kim (Direttore Vinitaly in the World), Davide Paolini (Il Gastronauta – Radio 24), Marco Sacco (Chef Piccolo Lago Verbania e Presidente cuochi CHIC) e Rosario Scarpato (Ideatore e curatore degli Awards e della IDIC – International Day of Italian Cuisines  http://idic.itchefs-gvci.com/). I premi sono stati consegnati nel corso di due cene di Gala: una al Ristorante Aromi di Mosca (Guest Chef Marco Sacco) e l’altra al ristorante Four Seasons Di New York (Guest Chef Tonino Verro, de La Contea di Neive)

 

Per ulteriori informazioni:

Rosario Scarpato, rosarioscarpato@itchefs-gvci.com Ph. +393394075086

Alexander Averin riceve il premio ICWA 2013 a Mosca Alexander Averin riceve il premio ICWA 2013 a Mosca

Giorgio Nava riceve il premio ICWA 2013 a New York Giorgio Nava riceve il premio ICWA 2013 a New York

Piero Selvaggio riceve il premio ICWA 2013 a New York Piero Selvaggio riceve il premio ICWA 2013 a New York

Potrebbe interessarti

ECG a domicilio Napoli Livenet News Network Comprare libri online, vendere libri online, marketplace libri online, community libri online, scambiare libri online, app libri online