La Subida a Cormons

Il confine è a un chilometro, oggi quasi non si avverte più, ma per tanti anni ha pesato e ha inciso sulla vita di queste terre. Non ci sono barriere naturali, è Collio di qua e di là (anche se si chiama Brda), il vino può essere buono di qua e di là come anche i prodotti: tutto è similare, ma anche differente, e questo ne accresce la varietà e la ricchezza. Non si finisce mai di apprendere e scoprire cose nuove e curiose, molti sono coloro che hanno approfondito la cultura di queste colline di transizione, ma nessuno è così esperto ed appassionato come Josko Sirk. La sua Subida da tanti anni accoglie ristora e insegna una cultura variegata e profonda, ha fatto da ponte e da amplificatore, ha salvato e riscoperto tante abitudini e accorgimenti di vita contadina che erano sul punto di sparire. Il posto merita a prescindere e merita di sicuro la deviazione. Veniteci non solo per assaggiare i piatti che vi verranno proposti, ma fate domande, chiedete il perchè e tornerete a casa non solo sazi nello stomaco ma anche nella mente. 

Ci sono due alternative, una più semplice nell’osteria che prima troverete sulla vostra sinistra, poi il ristorante più importante che è nella struttura dall’altra parte della strada che va al confine. La carta è fin troppo lunga e dispersiva, seguite quindi uno dei due menù consigliati, o, ancora meglio, i suggerimenti di Josko Sirk che vi porterà attraverso i sapori della ricotta di malga, della polenta con le farine del Mulino Tuzzi, le erbe e i profumi degli orti, i sapori inusuali ma centrati dei fiori di sambuco con le zucchine, del cervo con le uova di trota, dei mlinci con la dadolata di oca. Troppe, come si è detto, sono le proposte, e non tutto può riuscire al meglio, ma sarà comunque difficile non rimanere più che soddisfatti.

Potrebbe interessarti

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy
Le news per i giovani! Cosa vedi?
array(1) { ["wp-wpml_current_language"]=> string(2) "it" }