Amarcord sorrentino: o Parrucchiano

Un secolo e mezzo fa Antonino Ercolano seminarista e all’occasione anche cuoco del refettorio del Vescovato, decise di aprire due stanzette dove far cucina, con il nome La Favorita. Tutti a Sorrento lo chiamavano però “o Parrucchiano” (il parroco). Prima della seconda guerra mondiale, non avendo eredi Antonino lasciò il locale al nipote Giuseppe Manniello che portò nel dopoguerra a grande fama il ristorante. Via via, approfittando dei giardini sul retro, il locale si ingrandì aggiuggendo spazi, sale ampie e celebrando banchetti per la borghesia napoletana e non solo. Le personalità che qui hanno mangiato sono innumerevoli, le foto e gli articoli ne ricordano la celebrità. Il piatto “signature” ieri come oggi sono rimasti i “cannelloni” che qui dicono di aver inventato, come per altro gli gnocchi alla sorrentina. Da tempo conduce il figlio di Giuseppe, Enzo, persona amabile e simpatica. Anche noi venivamo qui tanto tempo fa, nei primi anni ottanta, ma già allora la bandiera della penisola era passata di mano, ad una giovanissima coppia che in alto a Sant’Agata si stavano rendendo famosa con una cucina semplice, fatta di ingredienti freschi, olio d’oliva e tanta passione, si chiamavano Lidia ed Alfonso Iaccarino.

Potrebbe interessarti

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy
Agenzia SEO a Napoli Festival della Musica e della Cultura a Napoli Consulenza software gestionale Napoli,software gestionali Napoli, software gestionali per ristoranti, sistemi cassa, casse automatiche